17 gennaio, 2017

Handmade in Naples. Workshop di Urban Sketchers in 10 incontri


HANDMADE in NAPLES - Storie di artisti e artigiani

10 incontri di disegno a Napoli 
con Simo Capecchi e Caroline Peyron

In collaborazione con Made in Cloister
*in english on Urban Sketchers
**sponsor: Viviva Colors

Nel 2017 Urban Sketchers celebra 10 anni. Per l’occasione abbiamo creato i nostri primi corsi a lungo termine, che si terranno in primavera contemporaneamente in numerose città. Disegnatori di tutto il mondo sono invitati a partecipare a 10 incontri di disegno con istruttori di Urban Sketchers nella propria città, dedicati alla missione principale dell'associazione: raccontare il mondo, un disegno alla volta.

Il corso di Napoli guiderà i partecipanti alla creazione di 10 ritratti disegnati come omaggio ad altrettanti artisti e artigiani della città. Persone che creano o riparano cose con le proprie mani, lentamente e con cura, seguendo il proprio estro creativo e la propria esperienza, proprio come noi disegnatori. Abbiamo scelto artisti e artigiani che lavorano a progetti speciali o in spazi fuori dall'ordinario dove li potremo disegnare mentre sono all’opera o mentre ascoltiamo i loro racconti.

I partecipanti saranno indirizzati ad elaborare un vero e proprio reportage, combinando sulla pagina scritte e disegni, sulla base di indicazioni ed esempi. L’attenzione è posta sul racconto e sull’intervista disegnata, più che sulla “natura morta” delle opere osservate.
Disegneremo e racconteremo 10 storie - piccole, medie o grandi - sia in relazione alle dimensioni fisiche dei manufatti osservati, sia in relazione alla diversa composizione delle pagine che potranno essere dedicate all’opera, all’artista mentre la crea e alla veduta d’insieme del suo atelier o della sua bottega.

Un reportage collettivo da condividere in rete e da mostrare durante una giornata di sketchcrawl aperta al pubblico nel chiostro di Santa Caterina a Formiello presso Made in Cloister, una fondazione che ha tra i suoi obiettivi il rilancio del “fare artigianale”, attraverso l’interazione tra maestri artigiani ed artisti e designer internazionali.

Obiettivi
1. Esplorare la propria città attraverso ritratti di artisti e artigiani, un disegno alla volta
2. Migliorare la propria capacità di disegnare, con l’attenzione al disegno come reportage
3. Imparare come selezionare, impaginare e comporre storie in una o più pagine
4. Imparare ad utilizzare insieme scrittura e disegno per comunicare meglio il nostro racconto
5. Sperimentare i vantaggi del disegnare insieme, condividere approcci diversi allo stesso tema

Dove e come Gli incontri si svolgeranno a Napoli, all’interno di 10 studi di artisti o botteghe di artigiani in città: 10 incontri di 2.5 ore, il giovedì o venerdì pomeriggio e il sabato mattina, tra marzo e aprile, più un'introduzione e una giornata libera di disegno collettivo. Portare il proprio materiale da disegno. Indicazioni più dettagliate saranno date in seguito.

Costo 10 incontri + introduzione: 200 € / 1 incontro: 20 € 
Viene data la precedenza a chi si partecipa a più di un incontro. Il 10% della quota andrà all'associazione Urban Sketchers. Per iscriversi: simo.capecchi(at)gmail.com
Partecipanti  Minimo 5, massimo 12.

Sponsor: Ai partecipanti verrà distribuito da testare un blocchetto di acquerelli su carta, prodotto da Viviva Colors, start up di Mumbai in fase di lancio. Creata da uno studente di medicina e urban sketcher appassionato di pittura, è il set di colori più leggero da trasportare che esista!

* Gli incontri sono condotti alternativamente da Caroline Peyron o da Simo Capecchi,
quando possibile con la presenza di entrambe.


PROGRAMMA  

Botteghe, atelier, studi e laboratori 
Artisti molto diversi tra loro, scelti tra chi utilizza materiali diversi e che si dedica anche alla scultura, alcuni con una lunga storia alle spalle, ci permettono generosamente di entrare nel loro spazio privato e assistere al momento creativo o curiosare tra li loro ultimi lavori e i progetti futuri. C’è qualcosa di speciale nell’osservare le opere prima che siano finite ed essere testimoni del lavoro che porta al loro completamento oppure nel ritrovarle, dopo un’esposizione, ammonticchiate nel caos fecondo dell’atelier. 
Gli artigiani che abbiamo scelto rappresentano delle eccellenze o dei casi particolari nel proprio settore, persone accomunate dalla passione con cui si dedicano alla loro arte e dalla disponibilità con cui hanno accettato l'idea di farsi ritrarre. Assisteremo ad un pomeriggio di lavoro di maestri e artigiani mentre portano avanti le loro commissioni e i loro progetti, tra routine ed imprevisti. 

sabato 4 marzo, 10.30/13.00 - Introduzione, preparazione di materiali, esempi 
c/o lo studio di Simo Capecchi, insieme a Caroline Peyron

1. giovedì 9 marzo 14.00/16.30 -  Gay Odin 
reportage in una fabbrica di cioccolato, con Simo Capecchi

2. sabato 11 marzo, 10.30/13.00 - Rosaria Matarese
nell'atelier dell'artista, un'intervista disegnata, con Simo Capecchi
                      
3. venerdì 17 marzo, 17.30/20.00 - Riccardo Dalisi
nell'atelier dell'artista, laboratorio con Caroline Peyron

4. sabato 18 marzo, 10.30/13.00 - Maurizio Borriello
un maestro d'ascia, laboratorio con Caroline Peyron            

5. venerdì 24 marzo,  16.30/19.00 - Vincenzo Canzanella
reportage in una sartoria teatrale, con Simo Capecchi

6. sabato 25 marzo, 10.30/13.00 - Tullia Matania (video)
nell'atelier dell'artista, un'intervista disegnata, con Simo Capecchi

7. venerdì 31 marzo, 17.30/20.00 - Christian Leperino (video)
nel centro per le arti della Misericordiella, laboratorio con Caroline Peyron

8. sabato 1 aprile, 10.30/13.00 - Gaetano Pucino e Giuseppe Corcione
un liutaio e un artista a palazzo Sangro, laboratorio con Caroline Peyron

9. venerdì 7 aprile, 17.30/20.00 - Caroline Peyron e Simone Foresta 
due artisti al lavoro, un'intervista disegnata, con Simo Capecchi

10. sabato 8 aprile, 10.30/13.00 - Vittorio Avella
la bottega di uno stampatore nell'ex Lanificio, con Simo Capecchi e Caroline Peyron

domenica 9 aprile, 10.30/13.00: evento pubblico e sketchcrawl
mostra presso Made in Cloister, giornata di disegno collettiva nell'ex Lanificio.    

NB: sono possibili variazioni dovute ad imprevisti.


Urban Sketchers è un'associazione no profit internazionale con sede a Seattle, USA, fondata nel 2007 da un gruppo di artisti di diversi paesi con l'intento di promuovere il disegno dal vero come forma di narrazione e reportage. Conta un network di migliaia di membri in centinaia di città e paesi, un blog principale cui collaborano 100 disegnatori più una trentina di blog nazionali e locali. Ogni anno l'associazione indice un incontro internazionale chiamato Simposio che coinvolge una ventina di istruttori e centinaia di iscritti da tutto il mondo. Molti altri workshop vengono organizzati localmente dai singoli membri, come quelli tenuti a Napoli da Simonetta Capecchi, tra i soci fondatori di questo movimento, insieme a Caroline Peyron.  

Simonetta Capecchi vive a Napoli, è architetta e lavora come illustratrice. Dal 2006 ha curato quattro edizioni di In viaggio col taccuino, rassegna sui carnet di viaggio ideata per Galassia Gutenberg, fiera del libro di Napoli. Dal 2007 partecipa alle attività dell’associazione Urban Sketchers e con loro organizza workshop in Italia e all'estero. Dal 2015 tiene una rubrica disegnata sulla rivista di viaggi Dove (RCS). 

Caroline Peyron è un'artista francese che vive a Napoli. Sue mostre personali si sono tenute a Napoli, Roma e Parigi presso numerose istituzioni culturali. L'ultima mostra è stata "Cielo" nella Certosa e Museo di San Martino a Napoli, ottobre 2015. Insegna arte da più di vent'anni presso scuole private e istituzioni come il Museo di Capodimonte e il Museo Archeologico a Napoli.La sua prossima mostra sarà insieme a Simone Foresta e si terrà a Napoli nel maggio 2017.

01 novembre, 2016

Route des Villes d'Eaux: alle terme col taccuino

Bourbon-l'Archambault

A maggio scorso sono stata invitata insieme ad un gruppo di disegnatori e Urban Sketchers a disegnare in due paesi termali nel Massif Central in Francia. Bourbon l'Archambault e Evaux-les-Bains mi hanno accolto con tutti gli onori per due settimane intense di disegno e cure termali... un lavoro ideale! 
In questi paesi l'acqua termale è stata scoperta nell'antichità e le Terme oggi in funzione sono di fine Ottocento, il periodo d'oro del termalismo che ha lasciato magnifici edifici Art Nouveau con importanti decorazioni in maiolica. Qui il reportage completo

Un bel progetto a cura di Léa Lemoine dell'associazione Route des Villes d'Eaux che ha coinvolto 12 disegnatori (o carnettistes) nella promozione turistica di un'intera regione termale - peccato che questo utilizzo del disegno sia raro in Italia. 

Dai nostri disegni hanno tratto un "Manuale per indossatori di accappatoio - livello principiante" a cui seguiranno forse livelli più avanzati di incoraggiamento ai piaceri delle terme. Il Manuale è stato presentato con una mostra all'ultimo Rendez-vous du Carnet de Voyage a Clermont-Ferrand, dove qualche altro mio disegno era esposto anche all'Opéra-théâtre. Non è in vendita ma verrà distribuito gratuitamente nelle località termali.




PS: Grazie a Caroline Peyron per aver tradotto tutti i testi nei miei disegni, un lavoraccio! 

Bourbon-l'Archambault


Bourbon-l'Archambault
Evaux-les-Bains
Evaux-les-Bains
Bourbon-l'Archambault

01 ottobre, 2016

Volterra Urban Sketchers: il workshop 2016



Foto e disegni dell'ultimo workshop che ho tenuto a Volterra, con Caroline Peyron e Majid Modir. 
E' sempre bello tornarci, anche se era la settima volta.

Abbiamo provato la carta da acquerello in blocchi Turner e Cezanne di Hahnemühle che ci ha sponsorizzato. Sono carte 100% cotone molto "soffici" e sono piaciute a tutti, in particolare a Carol Gillot, artista americana di stanza a Parigi, che ha eletto la Cezanne Matt a sua carta ideale! Le sue impressioni su Volterra e sul workshop nel suo blog Paris Breakfast.

Mentre stiamo pensando alla prossima edizione, qui sotto qualche mio disegno:


01 settembre, 2016

Giudecca Reportage, il padiglione del Portogallo alla Biennale di Venezia



A maggio 2016 due amici Urban Sketchers di Lisbona, Mario Linhares e Josè Louro, mi hanno invitato, insieme a Benedetta Dossi, di Roma, a fare un reportage disegnato durante la preparazione del padiglione del Portogallo per la Biennale di Architettura, per conto del Ministero della Cultura Portoghese.

Un padiglione anomalo perchè Alvaro Siza ha voluto intallarlo dentro il cantiere di un suo intervento di edilizia popolare alla Giudecca, a fianco a quello di Aldo Rossi, rimasto da anni incompiuto: mettendo l'attenzione sul cantiere ha pensato di contribuire alla ripresa dei lavori.

E' stata una bella occasione per ritornare in posti che non vedevo da quando studiavo Architettura e abitavo a Venezia. La Giudecca mi è sempre piaciuta e in questa nuova visita ho scoperto cose che non conoscevo, come il giardino e la villa Hèriot con il centro Iveser, il Giardino Eden di Hundertwasser, lo showroom e il giardino segreto di Mariano Fortuny, la terrazza panoramica in cima al Mulino Stucky... e la pesca delle seppie nel canale della Giudecca.

fishing in Canale della Giudecca
Giudecca panorama
villa Hériot / IVESER

Un racconto più dettagliato è in inglese su Urban Sketchers, parte 1 e parte 2
e i disegni si vedono più grandi qui.


Qui i reportage degli amici disegnatori Mario Linhares, Josè Louro e Benedetta Dossi.
Grazie a Ketta Linhares/Laloran che ha confezionato per noi dei bellissimi taccuini.

01 agosto, 2016

Disegnare il Reale: il video!



Disegnare il Reale è il workshop di editoria artigianale e reportage disegnato che ho tenuto insieme a Libri Finti Clandestini lo scorso aprile 2016. Tre giorni tra natura e piccoli borghi lungo la valle dell'Arno e le pendici del Pratomagno, in cui ognuno ha creato un proprio racconto disegnato dei luoghi e delle persone incontrate, su taccuini interamente realizzati a mano il primo giorno del workshop. Abbiamo alloggiato presso il Molino delle Gualchiere, dove si mangia e si dorme divinamente, gestito da un'associazione di promozione sociale che si occupa di disabilità - una mattina è stata dedicata al reportage delle loro attività agricole. Un'altra giornata siamo stati guidati da Samuele nella riserva Valle dell'Inferno, con avvistamenti di uccelli con canocchiale e poi lungo le Balze. Piccolo ma ottimo il gruppo disegnante proveniente da Napoli, Bologna e Barcellona, più due disegnatrici americane residenti in Puglia e in Toscana.
L'incontro con Sebastiano è stato molto interessante e costruirsi il taccuino un'esperienza per me inedita e divertente, una collaborazione che spero di ripetere alla prima occasione.

Il video è di Sguardi Factory Lab, la sezione formativa di Sguardi sul Reale - un bel festival di cinema documentario organizzato dall'associazione MACMA a Terranuova Bracciolini (Arezzo). Grazie a Olimpia Bonechi per l'affettuosa e attenta organizzazione! 





PS: Qui invece si sfoglia il taccuino di Montse Fortino.

18 maggio, 2016

Ipomea live sketching


Il prossimo fine settimana sarò a Ischia per Ipomea del Negombo, la mostra delle piante rare ed insolite, dove disegnerò per tre giorni insieme a Giuseppe Palumbo!

L'anno scorso ero con Francesca Bazzurro, questi i nostri disegni:

02 maggio, 2016

Nature/Sculpture: VII workshop di Urban Sketchers a Volterra



instructors Simo Capecchi, Caroline Peyron
guest artist Majid Modir

in partnership con Villa Le Guadalupe
con la collaborazione di Franco Lancio

Ancora una volta ci dedicheremo al paesaggio e in particolare al rapporto tra arte e natura: le dolci colline toscane che hanno ispirato i pittori nei secoli e l'opera di artisti contemporanei creata per dialogare con questo paesaggio. Le installazioni di Mauro Staccioli, sparse nella campagna attorno a Volterra; gli affreschi ottocenteschi di Villa Le Guadalupe; il giardino di sculture di Niki de Saint Phalle a Capalbio.

Obiettivo del workshop è quello di migliorare la capacità di osservazione e di raccontare con il disegno le nostre esperienze. Ai partecipanti proponiamo due approcci diversi alla pittura e al disegno en plein-air: la creazione di un reportage grafico basato su schizzi acquerellati e annotati (con Simo Capecchi) e l'utilizzo di tecniche diverse come l'inchiostro, le terre colorate o il collage per esperimenti pittorici più istintivi (con Caroline Peyron). 
Il workshop apre con una demo di Majid Modir, artista dal talento multiforme, sulla tecnica dell'acquarello: saprete finalmente anche quello che non osavate chiedere!
Uno sketchcrawl aperto a tutti nel caleidoscopico Giardino dei Tarocchi concluderà il workshop.

Fatevi ispirare dalle foto dei Workshop a Volterra, edizioni 2010/2015.

view from Villa Le Guadalupe



workshop / instructors

Demo di acquarello con Majid Modir
1. Materiali; la scelta della carta, acquarelli, pennelli e altri attrezzi
2. Tecniche di base e dimostrazione
3. Consigli ed effetti speciali
I partecipanti seguiranno Majid con brevi esercizi e potranno poi assistere alla realizzazione di un suo acquerello passo passo, nel giardino della villa (2 ore circa).

Majid Modir, luoghi abbandonati, Svezia

Majid Modir, Villa Le Guadalupe

Majid Modir è artista, fotografo e graphic designer. Nato nel 1961 in Iran, si è trasferito in Svezia nel 1986 e di recente si è spostato a Volterra. Ha studiato Graphic Design e Illustrazione presso la University of Arts, Crafts and Design di Stoccolma. Lavora in proprio come art director e insegna motion graphic al Beckmans College of Design di Stoccolma. L'acquarello è la sua passione. Ha esposto i suoi lavori in numerose mostre personali e collettive nei paesi Scandinavi negli ultimi trent'anni, ricevendo premi e menzioni speciali. 
E' membro della Swedish Artists Association (SKF). Website: majstudio.se





Reportage con Simo Capecchi Sarà fornita un'introduzione al reportage grafico con esempi di vari autori e approcci diversi cui ispirarsi. Il testo e la combinazione di testo e immagini andrà curata per creare un racconto unitario durante le quattro giornate del workshop. 


Disegneremo attorno alle grandi sculture di Staccioli: cerchi, triangoli e altre forme astratte che si introducono nel paesaggio come elementi dinamici. Visibili a grande distanza sono un'attrazione per turisti e cittadini, soggetto ideale per selfie o scatti creativi. Disegnandole nel contesto del paesaggio volterrano metteremo in evidenza l'interazione delle persone con queste opere d'arte diventate ormai simbolo della città. 

Villa Le Guadalupe è un luogo denso di storie. Cuore pulsante di una famiglia di drammaturghi, studiosi e artisti, dagli anni Ottanta ha ospitato "scienziati, creativi e visionari". Descrivere la villa e le attività della famiglia che la abita e se ne occupa con dedizione da più di trent'anni è un tema perfetto per un breve reportage che combina parole e immagini.

lo studio azzurro di Villa Le Guadalupe

Simo Capecchi ha studiato Architettura a Venezia e Napoli dove ora lavora come illustratrice. I suoi disegni sono apparsi su riviste e cataloghi ed esposti in numerose rassegne collettive. Dal 2006 ha curato mostre di taccuini di viaggio, tenuto workshop e corsi di disegno sia in Italia che all'estero con l'associazione Urban Sketchers.  
Reportage su Flickr, Vimeo, Issuu. Storie in una pagina per la rivista di viaggi Dove
Altri disegni di Simo Capecchi a Volterra qui.

 Sophora nel giardino di villa Le Guadalupe

Inchiostro e collage con Caroline Peyron

Dipingendo il paesaggio con l'inchiostro di China penseremo ai contrasti: luci e ombre, pieni e vuoti, interno ed esterno, forme naturali e forme astratte. Il paesaggio viene tagliato geometricamente oppure incorniciato dalle enormi sculture di Staccioli. Villa Le Guadalupe sono gli affreschi a creare un dialogo speciale con il paesaggio all'esterno. 
Giocheremo sul rapporto tra interno ed esterno della cornice ispirati da alcuni brani di Victor Stoichita nel suo libro "L’invenzione del quadro". 

Il giardino di Niki de Saint Phalle è un caleidoscopio di frammenti colorati e forme sinuose in cui immergersi. Le sue sculture non incorniciano l'ambiente ma piuttosto sembrano trarre dalla natura la stessa logica arborescente, sviluppandosi alla maniera di fiori o alberi. 
Il collage sarà la tecnica perfetta per rendere omaggio a questo sogno fatto realtà.
Portare 4 o 5 quotidiani, colla Vinavil e un pennello economico per stendere la colla.

Paesaggio a Volterra e Deposizione di Pontormo nella Pinacoteca di Volterra.
Caroline Peyron è un'artista francese che vive a Napoli. Sue mostre personali si sono tenute a Napoli, Roma e Parigi presso numerose istituzioni culturali. L'ultima mostra è stata "Cielo" nella Certosa e Museo di San Martino a Napoli, ottobre 2015. Insegna arte da più di vent'anni presso scuole private e istituzioni come il Museo di Capodimonte e il Museo Archeologico a Napoli. Meet the instructorVimeo: vimeo.com/carolinepeyron

----------------------------------------------

Programma

Giovedì 1 settembre / Villa Le Guadalupe
17.00 - 20.00 Check in e demo di acquarello con Majid Modir
20.00 *cena a Villa Le Guadalupe

Venerdì, 2 settembre / colline intorno a Volterra
10.00 - 18.00  Sculture all'aperto di Mauro Staccioli 1
Piancorboli / fattoria Fognano (1 ora di pausa con pic-nic per conto proprio)
20.00 *cena a Villa Le Guadalupe

Sabato, 3  settembre/ colline intorno a Volterra
10.00 - 18.00  Sculture all'aperto di Mauro Staccioli 2
Poggio San Martino / villa Palagione / Mazzolla 
   (1 ora di pausa con pic-nic per conto proprio)
20.00 *cena a Villa Le Guadalupe

Domenica, 4 settembre / Villa Le Guadalupe
10.00 - 13.30 gli affreschi di Villa le Guadalupe, l'esterno visto dall'interno
13.30 *pranzo nel giardino di Villa Le Guadalupe
15.00 - 18.30 Villa le Guadalupe, la casa nel paesaggio
20.00 *cena a Villa Le Guadalupe

Lunedì, 5 settembre / Sketchcrawl nel Giardino dei Tarocchi. Tutti sono invitati! 
10.00 trasferimento a Capalbio, Garavicchio (2 ore in macchina).
14.30 Giardino dei Tarocchi di Niki de Saint Phalle (chiude alle 19.30).

Trasporto e biglietto d'ingresso a proprio carico 
(sconto per il gruppo e organizzazione comune del trasporto). 


Sede del workshop Le Guadalupe. Spazio per le Arti è un'associazione dedicata alle arti da due drammaturghi tedeschi, Wolfgang Storch e Klaudia Ruschkowski, che ospita workshop di arte, teatro, design e musica, con un programma internazionale. Le Guadalupe ha sede in una villa Ottocentesca interamente affrescata, circondata da un giardino e da un oliveto con vista sulle colline a Sud di Volterra. Il workshop si tiene nella villa dal 2009, da un'idea di Klaudia Ruschkowski. La sua ospitalità calorosa e i suoi pasti deliziosi sono parte fondamentale di queste intense giornate di disegno.

Sponsors quest'anno avremo diversi e ottimi materiali, grazie a due sponsor importanti come Viarco (con ArtGraf, terre solubili) e Hahnemühle (per la carta da acquarello). 
E, una volta ancora, il nostro sponsor storico Moleskine offrirà i suoi preziosi taccuini.

Costo e iscrizioni Il workshop costa 330 euro che includono l'insegnamento (220 euro x una demo di 3 ore e 21 ore di lezione guidata, seguiti da uno sketchcrawl aperto) e i pasti principali (110 euro per 5 pasti a Villa Le Guadalupe). Non includono l'alloggio, eventuali spese di trasporto per il trasferimento a Capalbio e il biglietto di ingresso al Giardino dei Tarocchi, per il quale chiederemo lo sconto di gruppo. 
10% del costo dell'iscrizione sostiene l'Urban Sketchers educational program.
Per partecipare scrivere a simo.capecchi(at)gmail.com

Partecipanti Minimo 10, max 18. Ogni livello di esperienza è benvenuto.

Lingue Inglese, Francese, Italiano.

Come raggiungere Villa Le Guadalupe e Volterra  Nella workshop Map le istruzioni per la villa se venite in macchina - 10' dal centro di Volterra. Nessun problema se venite con i mezzi pubblici, vi aiutiamo con gli orari delle corriere e veniamo a prendervi alla stazione e ogni giorno nei relativi alberghi. Un trasporto comune verrà organizzato per raggiungere Capalbio.

Volterra è raggiungibile dalle seguenti stazioni/aeroporti:
Firenze (2 ore): bus per Volterra via Colle val d'Elsa 
Pisa (2 ore): bus per Volterra via Pontedera   
Rome (4.30 ore): treno regionale per Cecina + coincidenza con bus per Saline di Volterra. 

Alloggio Hotel consigliati nella workshop map.  Tre stanze doppie sono disponibili nella Villa. (Aggiornamento: le stanze sono già occupate).

I luoghi del workshopMAP


Mauro Staccioli, "Luoghi di Esperienza", progetto di land art per Volterra (2009). Questo gruppo di sculture sono un omaggio dell'artista alla sua città natale e suggeriscono una sorta di caccia al tesoro da una collina all'altra, nelle immediate vicinanze di Volterra. Descrizione delle sculture.


Villa Le Guadalupe (artisti sconosciuti, 1850-54 ca.). I due fratelli Tangassi, noti artigiani alabastrai di Volterra, tornano dal Messico dove avevano fatto fortuna con la loro arte e commissionano la ristrutturazione di una precedente casa colonica sulle colline a Sud di Volterra, dedicandola alla Madonna delle Guadalupe, patrona del Messico. Due pittori vengono incaricati di affrescare interamente la villa con paesaggi, elementi naturali e geometrici e riferimenti al Messico e all'Italia. La residenza cittadina dei Tangassi oggi è invece la sede del Museo Etrusco.


Niki de Saint Phalle, Giardino dei Tarocchi (Garavicchio, Capalbio 1979-1998). Per circa vent'anni l'artista ha lavorato a questo giardino di sculture abitandoci periodicamente, con la collaborazione di Jean Tinguely. Garden website / Artist bio / intro video 5' / Il giardino video 35' / documentario su Niki e Jean Tinguely di Anne Julien e Louise Faure, 55'.

02 marzo, 2016

Disegnare il reale. Workshop di editoria artigianale e reportage disegnato

Workshop di editoria artigianale e reportage disegnato
Terranuova Bracciolini (Arezzo)
8-9-10 aprile 2016

In occasione della 6° edizione di Sguardi Sul Reale - Festival del cinema documentario che si svolge a Terranuova B.ni l'associazione culturale Macma ha organizzato un workshop con me e Libri Finti Clandestini

Un weekend tra la Riserva Naturale dell’Arno di Valle dell’Inferno e Bandella e i paesini di Loro Ciuffenna e San Pietro a Gropina, con base al Molino delle Gualchiere, un bellissimo agriturismo ma anche un'associazione no profit che si occupa di disabilità e disagio sociale. 

Il primo giorno, venerdì 8 aprile, è dedicato alla costruzione del proprio taccuino guidati da Libri Finti Clandestini e dalle sue mani esperte: belle idee anche negli altri suoi video.


Sabato e domenica andremo in giro col taccuino per un reportage disegnato che inizierà al Molino delle Gualchiere con uno sguardo sulle loro attività. Andremo poi a San Pietro a Gropina, una delle pievi romaniche più antiche della Toscana, e a Loro Ciuffenna, borgo di origini medievali.



Il terzo giorno è dedicato alla Riserva di Valle dell’Inferno e Bandella con una gita in barca sull'Arno guidati da Samuele, custode della Riserva e narratore di storie, le gole rocciose del fiume Arno, l’Ansa di Bandella e l’Ansa di Castiglioncello, luoghi di sosta e nidificazione di diverse specie protette di uccelli.















Il costo è di 200 euro per workshop+vitto+alloggio,  
scontato a 180 euro per chi si iscrive entro il 3 Marzo e per gli studenti.
Per iscriversi leggere il bando e scrivere a macma.info@gmail.com

Il bando completo in pdf.

Qui la MAPPA DEL WORKSHOPPer chi viene senza macchina è previsto il trasporto da e per la più vicina stazione del treno (MONTEVARCHI-TERRANUOVA).